Se solo sapessi quanto soffro insieme a te
dell'amaro della vita.
Vorrei accarezzarti con mani di carne..
ma lo sussurro a chi ti sta accanto..
vorrei dirti le parole più vere dell'amore,
ma le suggerisco a chi ti regala una parola.
Vorrei vederti raccogliere tutto l'amore che semini
per sentirti soddisfatto della tua vita
ma come ogni cosa.. il tempo lascerà crescere il frutto
che tu stesso hai fatto nascere.
Gioisci perchè attraverso le tue mani io regalo l'amore
a chi ha la fortuna di incontrarti.
Tu non lo sai forse ma io sono il tuo angelo..
quello che mai ti abbandonerà e che è qui solo per te
e grazie a te può amare il mondo

   

L'arcangelo Gabriele

San Gabriele
Il suo nome significa forza di Dio. Lo si rappresenta con una verga di giglio profumato, che ossequiò a Maria nel momento dell’Annunciazione e che rappresenta la purezza immacolata della Vergine Santa. La sua festa è il 25 marzo, ricorrenza dell’Annunciazione.

È il messaggero di Dio per eccellenza e colui che comunica agli uomini le grandi notizie da parte del Signore. Già nell’Antico Testamento parla al profeta Daniele degli avvenimenti importanti che avranno luogo per il popolo di Israele.



E cosa dire di Zaccaria? Egli non ha creduto all'annuncio di Gabriele che gli comunicava che sua moglie Elisabetta avrebbe concepito un figlio ed egli sarebbe diventato padre, e Gabriele lo rimprovera e gli dice: "Io sono Gabriele che sto al cospetto di Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annunzio. Ed ecco, sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, le quali si adempiranno a loro tempo (Lc 1, 19-20).



 Ma soprattutto egli annuncia a Maria la grande notizia della nascita del Salvatore: Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te (Lc 1, 26-28).  



Maria si spaventa alla vista dell’angelo, che le ha chiarito fin dal principio che veniva da parte di Dio. E Dio, per mezzo di Gabriele, le dice le belle parole dell’Ave Maria, poi continua dicendo: Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato figlio dell’Altissimo; il Signore Iddio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre nella casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine (Lc 1, 30-33). 



Poi l’angelo le spiega il concepimento miracoloso di Gesù: Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato figlio di Dio. Vedi: Anche Elisabetta tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio. Allora Maria disse: eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto. E l’angelo partì da lei (Lc 1, 35-38).



In questa ambasciata, Gabriele si presenta dinanzi all’umanità come il grande comunicatore, il grande messaggero, come se fosse il corriere di Dio. Perciò papa Paolo VI lo nominò patrono delle poste, dei postini, degli impiegati delle poste e dei filatelici, attraverso la lettera apostolica Quondoquidem del 9 dicembre 1972.



Novena a San Gabriele Arcangelo

Primo giorno  

Per quella gloria che vi distingue fra tanti vostri compagni, o grande arcangelo S. Gabriele, essendo voi uno dei sette che stanno continuamente davanti al trono dell'Altissimo, ottenetemi la grazia che io cammini sempre alla divina presenza, affinché i miei pensieri, le mie parole, le mie azioni altro non abbiamo di mira che la pura gloria di Dio. Gloria.

Secondo giorno

Per quel santo giubilo che sentiste, o glorioso arcangelo S. Gabriele, nell'essere inviato sulla terra annunciatore del mistero più consolante, cioè l'Incarnazione del Verbo e l'Universale Re­denzione, ottenetemi la grazia che io non mi gonfi mai tra gli onori, né mi smarrisca tra le umiliazioni, ma sappia di tutto servir­mi secondo i disegni di Dio, i quali non hanno altro scopo che la mia e la comune santificazione. Gloria. 

Terzo giorno

Per quell'ineffabile allegrezza che voi provaste, o glorioso Arcangelo S. Gabriele, nel presentarVi in Nazaret a Maria, la più privilegiata e la più santa fra tutte le figlie d'Eva, ottenetemi la grazia ch'io le professi costantemente una singolarissima devo­zione, e mi occupi a tutto potere nell'accrescere il numero dei suoi devoti, e nel promuovere il suo culto, al fine di partecipare a quella beatitudine che è parzialmente promessa ai suoi sinceri veneratori. Gloria.

Quarto giorno

Per quell'insolito gaudio che v'inondò, o glorioso arcangelo S. Gabriele, nel preconizzare Maria come la piena di grazia, la benedetta fra tutte a divenir madre del Verbo, ottenetemi, vi pre­go, che amando ad imitazione della SS. Vergine, il ritiro e la pre­ghiera, meriti di essere distinto anche in terra con particolari be­nedizioni. Gloria.

Quinto giorno

Per quell'improvviso stupore che vi comprese, o glorioso arcangelo San Gabriele, quando vedeste la SS. Vergine contur­barsi alle vostre magnifiche parole, ottenetemi, vi prego, un affet­to costante alla santa umiltà, che è il fondamento e il sostegno di tutte le virtù. Gloria.

Sesto giorno

Per quella straordinaria venerazione che per Maria concepi­ste, o glorioso arcangelo S. Gabriele, quando la vedeste più pron­ta a rinunziare l'onore della divina maternità che la perpetua con­servazione della propria verginità, ottenetemi, vi prego, la risoluzione e il coraggio di rinunziare a tutti i piaceri e a tutte le gran­dezze del mondo, anzicché violare minimamente le promesse fatte al Signore. Gloria.

Settimo giorno

Per quell'ammirabile benignità onde voi, o glorioso arcange­lo S. Gabriele, dissipaste tutti i timori che agitavano il cuore di Maria quando si sentì da voi annunciare per madre, sgombraste vi prego, la mia mente da tutte le illusioni con cui il principe delle tenebre si sforza di impedire la cognizione chiara e precisa delle verità che tornano indispensabili al conseguimento della salute. Gloria.

Ottavo giorno

Per quella generosa prontezza con cui la SS. Vergine cre­dette a tutte le vostre parole, o glorioso arcangelo S. Gabriele, e consenti alla proposta di divenir madre del Verbo, e corredentrice del mondo, ottenetemi, vi prego, la grazia che mi uniformi sem­pre spontaneamente alla volontà dei miei superiori, e porti sem­pre con allegria quella mistica croce di patimenti che piacerà a Dio di addossarmi. Gloria.

Nono giorno

Per quella gioia infinita che inondò insieme tutti i cuori dei giusti nel Limbo, degli angeli nel Paradiso e degli uomini sulla ter­ra, quando riportando voi, o glorioso arcangelo S. Gabriele, al trono della SS. Trinità il consenso della SS. Vergine, discese il Verbo del Padre nel di Lei seno, ove, per opera dello Spirito Santo, si vestì delle nostre miserie, ottenetemi, vi prego, la grazia che io cammini fedelmente dietro gli esempi luminosissimi che di tutte le virtù venne a darci questo Unigenito incarnato, affinché, dopo averlo seguito per la strada dei dolori, giunga con Lui a salire il monte misterioso della visione sempiterna. Gloria.

(Tratto da: “Preghiere dei Cristiani ai Santi Angeli di Dio”. Don Marcello Stanzione Milizia di S. Michele)

LITANIE A SAN GABRIELE


San Gabriele arcangelo,           prega per noi.

San Gabriele, che hai manifestato le visioni divine al profeta Daniele  prega per noi.

San Gabriele, che sei apparso a Zaccaria per annunciargli la nascita e il ministero glorioso

di suo figlio Giovanni il Battista prega per noi.

San Gabriele, che sei stato mandato da Dio alla Vergine Santissima per annunciarle la nascita del Salvatore prega per noi.

San Gabriele, che hai portato sulla terra il nome di Gesù prega per noi.

San Gabriele, che offri le nostre preghiere all’Altissimo prega per noi.

San Gabriele, protettore speciale delle anime caste prega per noi.

San Gabriele, guardiano potente della beata vergine Maria prega per noi.

San Gabriele, pieno di forza di Dio prega per noi.

San Gabriele, messaggero di Dio prega per noi.

San Gabriele, difensore della fede cristiana prega per noi.

San Gabriele, adoratore perfetto del Verbo divino prega per noi.

San Gabriele, protettore del bambino e di sua madre prega per noi.

San Gabriele, angelo della verginità consacrata prega per noi.

San Gabriele, protettore delle comunicazioni e dell’unità dei credenti prega per noi.

San Gabriele, angelo dell’umiltà prega per noi.

San Gabriele,  prega per noi.

Adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.
Preghiamo: O Dio, che hai scelto tra tutti gli angeli l’arcangelo Gabriele per annunciare il mistero dell’Incarnazione di tuo figlio Gesù, concedici, ti chiediamo, di poter godere qui sulla terra della sua potente intercessione. Per Gesù Cristo Nostro Signore. Amen.


Nessun commento: